Bere e mangiare a Milano

Sei lettere che insieme danno forma ad un’infinità di emozioni e luoghi più e meno comuni: Milano.
Fin dalle sue prime origini centro importantissimo, non a caso l’antico nome latino Mediolanum significa “terra in mezzo”, per i contesti geografico, culturale ed economico, questa città nel corso dei secoli ha scritto densissimi capitoli di storia.
Quando generalmente si pensa alla città meneghina per eccellenza non è difficile attribuirle etichette come la culla del design, una tra le principali capitali a livello universale per la moda e il cuore pulsante (un po’ meno con la crisi economica globale dal 2008..) della finanza italiana. D’altro canto Milan l’è un gran Milan, ma quali sono le piste meno battute dai turisti e i locali più frequentati dai veri Milanesi, anche d’adozione?
In questo breve e certamente non esaustivo excursus esploriamo la città sotto un’altra ottica, andando alla scoperta per chi già non la conoscesse di una Milano nascosta, più originale, meno convenzionale e soprattutto accessibile a tutti i portafogli. Se, invece, foste alla ricerca di consigli sulle attività da svolgere con i vostri bambini a Milano, date un’occhiata alla nostra guida apposita.

Oh mia bela Madunina, prendiamo un caffè?

Non è come succede in tutto il resto del mondo, quando noi Italiani ordiniamo in Italia un caffè al bar siamo sicuri che il cameriere ci servirà un autentico e ottimo espresso, rigorosamente in tazzina di ceramica.
A Milano ogni occasione è buona per fare una piccola sosta di relax e degustarlo, ma la scelta è incredibilmente ardua, dato il vastissimo numero di locali che ciclicamente inaugura in città.
Arredamento informale ma decisamente cool, comode poltrone dove poter sorseggiare un eccellente caffè e assaporare un freschissimo croissant leggendo un buon libro: benvenuti al Pavè!
Questo bar e pasticceria gestito da un gruppo di ragazzi under 30 è il luogo ideale per iniziare la giornata con il piede giusto, dove i prodotti sono elaborati esclusivamente in maniera artigianale e genuina nel laboratorio a vista.
Situato nelle prossimità della fermata della metropolitana “Repubblica”, Pavè si trova in una zona strategica che permette di raggiungere facilmente a piedi, o ancora meglio in bicicletta, Porta Venezia.
Si chiama Pandenus (lett. pane di noci) ed è una catena milanese al 100% che, con ben quattro locali dislocati su tutta la città, offre ogni giorno una colazione del tutto speciale a moltissimi Milanesi. I prelibati prodotti della colazione tradizionale all’italiana soddisfano i palati dei clienti più esigenti, che possono degustare schiumosi cappuccini, brioche appena sfornate e, se si desiderasse dare alla colazione un tocco international, anche con sandwich e focaccine farcite. Il locale è molto rinomato anche per cene, aperitivi con buffet e brunch durante il fine settimana: avrete più di una scusa valida per continuare a tornarvi!
Anche in zona Isola non poteva mancare l’indirizzo giusto per iniziare al meglio la giornata con una colazione a base di fumante caffè e calda brioche appena sfornata. E volete sapere anche il nome? Appena scritto! Anche è il punto di riferimento per ogni goloso: il bar riesce a saziare i palati di tutti i suoi clienti sia con prodotti da forno dolci ma anche con focacce salate e pizzette, ideali per un vero brunch domenicale. Aperto sia durante il giorno sia durante la notte e ben sette giorni su sette, con i suoi orari di apertura decisamente elastici Anche è una porta sempre aperta. Nottambuli fatevi sotto!
Istituzione milanese nel mondo della caffetteria, varcata la soglia di ingresso al Peck Italian Bar in Duomo si ha la sensazione di essere arrivati in molto più di un semplice bar per addentare un cornetto alla crema. Qui l’eleganza e il gran stile della bellissima Milano sono la cornice perfetta che racchiude uno dei momenti più importanti della nostra giornata; concedetevi il piacere di sorseggiare un cremoso cappuccino rilassati e seduti su una delle belle e comode poltrone lasciandovi incantare dall’arredamento moderno. Un languorino? Assaggiate sempre il croissant della settimana, il cui ripieno varia ogni lunedì: vaniglia di Madagascar con albicocca e cioccolato bianco con mandarino solo per risvegliarvi le papille gustative.

colazione Pandenus

La ricca colazione da Pandenus: croissant, deliziosi cestini di frutta e molto altro. Foto cortesia di Pandenus.

A pranzo giusto un boccone

La pausa pranzo a Milano è considerata da molti un optional, consumata spesso in fretta e furia sullo sgabello di un bar consumando un panino veloce e facendo il conto alla rovescia dei minuti che mancano per tornare a sedersi alla scrivania dell’ufficio; fortunatamente però non è così per tutti! Chi l’ha detto che anche solo sessanta minuti non si rivelino un ottimo momento per trascorrere del tempo in spensieratezza con alcuni colleghi all’ombra di un gazebo in estate oppure ritrovarsi con la propria dolce metà tra le intime mura di un grazioso ristorantino in inverno?
In qualsiasi quartiere della città ci si trovi, a Milano si riesce sicuramente a consumare il pasto più giusto e desiderato.
Recentemente la grande affluenza immigratoria e globalization hanno delineato il nuovo volto cittadino, con un conseguente arricchimento delle specialità culinarie in offerta, oltre a quelle della buonissima e tradizionale cucina italiana: la gastronomia ha ampliato gli orizzonti e non è strano girare per la città e incontrare più ristoranti etnici rispetto a quelli di cucina tipica milanese.
Nella zona di S. Agostino due sorridenti ragazze vi accolgono nel loro bistrot dog-friendly, il Valà, il cui nome è stato concepito unendo la prima sillaba dei loro nomi (Valentina e Laura).
I loro piatti sono davvero prelibati e indicati specialmente per chi segue un’alimentazione vegetariana o vegetalista. Sempre fresche e preparate con ingredienti genuini sono le gustosissime crescentine, i loro cavalli di battaglia, semplici focacce originarie di Modena dal sapore autentico, un ideale e goloso accompagnamento per i piatti a base di salumi e formaggi.
Poco oltre, a Porta Genova, qualche anno fa Gloria e Carmine hanno inaugurato la loro Trattoria, aggiudicandosi in pochissimo tempo la fiducia dei clienti che, nel corso del tempo, sono diventati sempre più numerosi ma soprattutto soddisfatti.
Qual è la formula magica? Semplice: clima e atmosfera familiare, piatti prelibati e ingredienti stagionali provenienti da raccolti di aziende biologiche.
Con poco più di una decina di euro ci si assicura un pranzo squisito e completo, condito sempre dalle gradite e piacevoli chiacchierate con i due simpaticissimi ristoratori.
Avreste mai pensato che potesse esistere un locale che cucina tutti i suoi piatti con la forza del.. vapore? Se la risposta fosse negativa, allora forse dovreste fare un salto in uno dei due ristoranti That’s Vapore presenti in centro a Milano, precisamente in Corso di Porta Vittoria e in Via Michelangelo Buonarroti. Addio olio, fritto e interminabili cotture! Qui la filosofia è una sola, cucinare esclusivamente al vapore e servire ricette originali con il massimo del gusto e, come se non bastasse, i piatti sono tantissimi e per tutti i gusti, dal cestino di pesce a quello per vegetariani. Siete studenti e avete appena superato un esame con un brillante 30 e lode? That’s Vapore vuole festeggiare con voi offrendovi un pasto completo di cestino, bevanda, dolce e caffè: la voglia di studiare per la prossima lode viene mangiando!
Sempre rimanendo in ambito accademico, di fronte all’Università Bocconi si respira aria proveniente dall’Asia, o meglio, profumi di ingredienti e spezie orientali. Il Noodle-Bar, un’idea avvincente promossa e gestita dai simpatici Beniamino ed Eugenio, è stato un successo fin dal suo esordio e gli ingredienti segreti sono stati i protagonisti dello street food asiatico, i noodle (spaghetti), e un mix di prodotti originali e squisiti con i quali sono abbinati: il risultato non poteva che essere fenomenale. I piatti fanno vivere l’emozione di sentirsi dall’altra parte del mondo pur rimanendo nella cosmopolita Milano; il bistrot è disposto su due livelli e ha un arredamento decisamente orientale e accogliente dove la semplicità dei tavoli in legno si abbina perfettamente ai vivaci colori dei piatti di noodle, serviti sia alla piastra sia in brodo.

valà

Tavola imbandita da Valà. Foto cortesia del ristorante.

Happy Hour!

“Fare l’aperitivo” a Milano è un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, provare per credere. Ogni milanese che si rispetti a fine giornata si prende questo momento per gratificarsi, rilassarsi e fare due chiacchiere con amici o colleghi davanti a un bicchiere di Spritz e un ricco buffet.
Se nel resto del Belpaese con il drink vengono generalmente serviti chips, tramezzini, salatini e olive, questo nel capoluogo lombardo, nonché capitale dell’happy hour, è considerato l’aperitivo dell’aperitivo vero e proprio.
Non importa che si ordini una birra, un succo alla frutta o un super alcolico perché la famosa apericena milanese è un ricchissimo buffet a disposizione per un numero illimitato di giri, che spazia dai piatti caldi (pasta, verdure grigliate o più esotici come couscous, sushi, etc.) fino alla macedonia di frutta, senza considerare i piatti freddi (polpettone, torte di verdura, etc.) e i dolci (torte di vari gusti, crema catalana e addirittura caramelle gommose!).
Per degustare un ottimo aperitivo in un locale decisamente alternativo rispetto ai soliti milanesi si deve scendere a Lambrate ed entrare al Santeria, un centro che organizza eventi culturali, corsi professionali, ospita concerti musicali, un cinema per film in lingua originale e un coworking per liberi professionisti.
I cocktail sono serviti nei barattoli di vetro tipici delle conserve in puro stile newyorchese congiuntamente a piatti di altissima qualità preparati da bartender professionisti.
Per chi invece si trovasse nella parte opposta della città, in zona Gallarate, non può certamente non fare un salto al Maquis, un locale e spazio nato nel 2013 dal progetto di alcuni ragazzi per dare un’anima più easygoing a questo quartiere prettamente residenziale. Concepito come luogo di ritrovo di giorno per i bambini e la sera per un pubblico più adulto, al Maquis è possibile assistere a mostre culturali, presentazioni di libri, degustare vini e girare per le bancarelle dei mercatini.
L’aperitivo è allestito con molti tavolini sotto un grande gazebo in legno, arredamento tutto costruito artigianalmente dai ragazzi/gestori, e prevede un eccellente e originale buffet per soddisfare tutti i gusti.
Namaste! No, non siamo finiti in India, bensì in uno degli angoli di India più conosciuti e meglio rappresentati a Milano. Il Bhangrabar è un raffinato lounge bar indiano in zona Arco della Pace dove con una decina di euro si mangia e beve un esotico aperitivo caratterizzato principalmente da specialità e ricette della classica cucina indiana; sul grande tavolo potrete infatti saziarvi con samosas, pakoda al cavolfiore o patate tandoori. Come implica il nome, il sottofondo musicale è dettato dal ritmo della musica bhangra mixata da un DJ indiano. Aperitivo di domenica? Con soli 20€ avrete anche un massaggio shiatsu di venti minuti incluso, quindi meglio non esagerare con il cibo!
Metti un tardo pomeriggio a Conciliazione, un paio di amici e tanta voglia di un posticino intimo ma cozy al contempo.. stiamo pensando allo stesso nome? E certo, Rufus!
Inaugurato lo scorso marzo, in pochi mesi ha saputo fin da subito conquistare i suoi clienti grazie ai suoi cocktail preparati a regola d’arte e con sapiente maestria abbinati sempre a piattini golosi con salumi, formaggi e tanti stuzzichini succulenti. Dietro al banco il vero protagonista è Alessandro, conosciuto da tutti come Monsieur Coquetelle, un giovane barman milanese che ogni settimana propone una lista alternativa. La cosiddetta happy hour qui è più felice che mai, anzi felicissima: tra le 18 e le 19 paghi un cocktail e ne bevi due.

maquis milano

Atmosfera da spiaggia nelle serate estive del Maquis. Foto cortesia di Maquis.

A cena fuori è un must

Se per molti Milanesi il pranzo rimane una mera pausa, ovvero un break tra un meeting e un altro, tutt’altro discorso vale per la cena, considerata un rito. Quindi, a meno che non si abbia già optato per un’apericena, il ritrovarsi tête-à-tête con i propri cari a tavola è il momento giusto per trascorrere insieme qualche ora a raccontarsi cosa è successo durante la giornata; se fuori casa senza l’incubo di lavare le stoviglie ancora meglio!
Chi è curioso o un habitué dei i grandi classici della cucina milanese (risotto con l’ossobuco o cassoela solo per citarne qualcuno) troverà pane per i propri denti all’Osteria Tajoli, l’ideale per chi vuole uscire sazio senza spendere una fortuna. Il locale fa parte della storia cittadina, è decorato con numerosi oggetti della tradizione musicale italiana del secolo scorso ed è ancora gestito dallo stesso allegro ristoratore da oltre 40 anni.
Voglia invece di una buona, autentica e soprattutto napoletanissima pizza? L’indirizzo giusto è in zona Porta Romana da Pizza Am. Seppur il menu offra “solamente” sei tipologie di pizza, il successo è più che garantito. Il locale è molto semplice e adatto per tutti clienti, dalla famiglia al gruppo di amici, e animato da una calorosissima atmosfera in pieno stile meridionale. Gli ingredienti freschi e l’antica ricetta vi faranno uscire dal locale con lo stomaco pieno e il portafogli di poco più leggero.
Anche se Milano è circondata dalla verde campagna, dopo aver cenato in Trattoria Nerino Dieci si penserebbe che il recente spot del Comune per la promozione turistica di Milano abbia ragione: qui c’è il mare! La freschezza di tutti i piatti a base di pesce è insuperabile e, oltre a variare ciclicamente, sono sempre preceduti da un calice di prosecco di benvenuto. A gestire tutta la “ciurma” di impeccabili professionisti è lo chef Sandro Caputo, che ha saputo far eccellere il suo locale facendolo annoverare tra gli indirizzi top per una cena profumata di mare.
Un ultimo indirizzo da noi proposto per una cena tradizionalmente italiana, caratterizzata da piatti lombardi cucinati in chiave creativa e contemporanea è il Ratanà, ristorantino sito in un ex magazzino ferroviario in zona Isola in mezzo ai grattacieli che recentemente hanno cambiato l’aspetto di questa area settentrionale di Milano. Lo chef Cesare Battisti, di origine trentina, ricalca le tipiche ricette lombarde e milanesi aggiungendo un pizzico di creatività rendendole assolutamente originali e non per questo meno saporite, anzi.

Pizza Am

Non vi è già venuta l’acquolina in bocca? Immagine cortesia di Pizza Am.

Siamo riusciti a farvi venire almeno l’acquolina in bocca? Questo è solo un modestissimo assaggio di tutto quello che potete mangiare e scoprire nella trendy Milano, per il momento non ci resta che augurarvi buon appetito.