Il 16 luglio prenderà il via la settima stagione di Game of Thrones, una delle serie TV più di successo della storia del piccolo schermo. Lo show della HBO tratto dalla saga di romanzi fantasy di George R. R. Martin ci ha abituati a standard qualitativi mai visti prima in produzioni televisive, oltre che a imprevedibili stravolgimenti di trama che fanno si che nessuno dei protagonisti, neppure i più amati dai fan, siano al sicuro da una prematura dipartita.

Nonostante l’uso massiccio della tecnologia CGI, le ambientazioni scelte dalla produzione hanno dato un contributo fondamentale al successo della serie. Luoghi come Malta e Marocco, utilizzati nelle prime stagioni, hanno fatto posto a Spagna e Croazia, ormai tra le principali location delle riprese, con Irlanda del Nord e Islanda che continuano a fornire le ambientazioni di Winterfell e del profondo Nord. Dall’altro lato, anche queste location hanno tratto grande beneficio dal successo della serie, registrando un aumento esponenziale di turisti con effetti sull’occupazione e l’economia locale. Basti pensare che secondo il Tourism Competitive Intelligence nel 2014 ben 45 milioni di turisti internazionali hanno scelto una destinazione per le vacanze dopo aver visto un film o una serie TV ambientata in quel luogo.

Nella nostra mappa interattiva Wimdu vi porta alla scoperta di alcuni dei luoghi più affascinanti di Game of Thrones, che hanno fatto da cornice ad alcune delle scene più memorabili dello show. Vi basta cliccare su “Start exploring” e lasciarvi ispirare per le vostre prossime vacanze.


Inserisci questa mappa nel tuo sito copiando il seguente codice:

Game of Thrones in Spagna

Alla fine della quarta stagione di Game of Thrones, l’HBO aveva annunciato che parte delle riprese per la quinta stagione avrebbero avuto luogo in Spagna, nello specifico in Andalusia. Scelta per rappresentare il fiero regno di Dorne, la regione al sud della Spagna non ha disilluso le attese fornendo ambientazioni ideali per ricreare i luoghi di questo popolo di guerrieri. Nello specifico, l’Alcazar di Siviglia è stato scelto per dar vita alla residenza del Re di Dorne Doran Martell. Si tratta della prima volta che una produzione televisiva abbia avuto il permesso di girare alcune scene in questo bene protetto dall’UNESCO. Alla fine della quinta stagione molti fan hanno lamentato il numero limitato di scene ambientati a Dorne, tuttavia nella sesta stagione la Spagna dovrebbe giocare un ruolo ancor più di rilievo nello show, tanto che a Siviglia, Cordoba e Osuna, dovrebbero aggiungersi Girona, alcune località della Catalogna e della Navarra, Guadalajara, Peñíscola e Almeria. Queste location dovrebbero essere utilizzate per ricreare Sunspear, ma anche parte di Meereen e King’s Landing, oltre che Braavos e il Dothraki Sea.

Nuove location in Spagna

Rovine di Itálica a Santiponce

Come nella stagione precedente, la maggior parte della settima stagione è stata girata in Spagna. Stando alle parole del sindaco di Santinponce, una delle nuove location che faranno da sfondo alla famosa serie TV pare sia Rovine di Itálica a Santiponce, in Andalusia presso Siviglia. L’antico insediamento romano vanta un anfiteatro tutt’oggi preservato in ottime condizioni, palcoscenico ideale per alcune delle principali scene di azione.

Spiaggia di Muriola Beach a Barrika

Pobabile location di Daenerys e la sua grande armata, ad inizio anno sono stati avvistati alcuni attori e membri della troupe nella meravigliosa spiaggia di Muriola Beach a Barrika. Voci di corridoio bisbigliano che la bellissima spiaggia diventerà parte del regno di Dorne.

Castillo de Almodovar del Rio, Cordoba

Colo decisamente fondamentale lo avrà nella settima serie il Castillo de Almodovar del Rio di Cordoba, nonché Casa Tyrell di Alto Giardino. Costruito nell’VIII secolo, il castello trasuda un magnifico fascino in pieno stile fiabesco, perfetto per l’ambientazione di questo regno.

Scopri i tour guidati di Get your Guide a Siviglia

Arrivi in Andalusia

Game of Thrones è stata la prima serie TV ad aver ricevuto il permesso di poter filmare all’interno di Alcázar a Siviglia, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO (residenza del Re di Dorne). Molti fan si sono lamentati del fatto che alla fine della serie fossero state girate poche scene a Dorne, ma nella sesta stagione si sono potuti consolarsi: Siviglia, Cordoba, Osuna, Girona e location in Catalogna, Navarre, Guadalajara, Peñíscola e Almería sono state adibite per ricreare Lancia del Sole, Meereen e King’s Landing, oltre a Braavos e il Mare Dothraki.

La scelta della HBO di portare lo show campione di ascolti a Siviglia è stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità andalusa, alimentato dai benefici che Game of Thrones aveva portato al turismo in Irlanda del Nord e Islanda, con effetti immediati sulle rispettive economie locali. I risultati fin’ora sono a dir poco confortanti con Siviglia che nel 2015 ha registrato un aumento di arrivi totali del 25% rispetto al 2014 e dell’11% per gli arrivi internazionali.

In seguito all’annuncio della HBO di portare Game of Thrones in Spagna, nel giro di pochi giorni sono stati 85,000 gli abitanti di Siviglia e dintorni che hanno mandato il curriculum per partecipare come comparse. In una delle regioni spagnole con il più alto tasso di disoccupazione, questo significa non solo offrire la possibilità di partecipare ad una delle serie TV più acclamate degli ultimi anni, ma anche portare benefici ad economie in forte difficoltà. La sola Siviglia nel 2015 ha visto un aumento del 79% di prenotazioni su Wimdu.

Game of Thrones in Croazia

Città vecchia di Dubrovnik

Città vecchia di Dubrovnik – iStock

Game of Thrones è giunto in Croazia nel 2012 per le riprese della seconda stagione. Da allora le antiche città fortificate di Dubrovnik e Spalato sono diventate le location principali per ricreare King’s Landing, prendendo il posto di Malta. Luoghi come la città vecchia di Dubrovnik, la fortezza di Lovrijenac e Trsteno Arboretum hanno fornito le ambientazioni ideali per ricreare la capitale dei Sette Regni, mentre Sibenik e Spalato sono state utilizzate per dar vita a Braavos e Meereen.

Scopri i tour guidati di Get your Guide in Croazia

croatia arrivals

Anche in questo caso gli effetti sul turismo locale sono stati ben accolti da un’altra economia che ha dovuto fronteggiare diverse difficoltà negli ultimi anni. L’aumento di arrivi internazionali interessa tutta la nazione e in particolare le contee di Dubrovnik e Spalato.

dubrovnik-split arrivals

Queste città rappresentano due delle mete più ambite dell’Adriatico negli ultimi anni, grazie al clima temperato tutto l’anno, il ricco patrimonio culturale e al fatto di essere meno care di altre destinazioni estive europee. La crescita è testimoniata anche dal notevole numero di appartamenti e case vacanza offerti dal Wimdu sia a Dubrovnik che a Spalato.

È innegabile che Game of Thrones abbia giocato un ruolo di rilievo in questo succeso, tanto che è stato stimato che lo show della HBO porti 10 milioni di dollari annuali al turismo di Dubrovnik. Piccola curiosità: King’s Landing (ovvero Dubrovnik, Malta in precedenza) è il luogo più letale della serie contando ben 117 vittime fino alla quinta stagione.

Game of Thrones in Islanda

Vatnajökull

Cappa di ghiaccio di Vatnajökull – iStock

L’Islanda è da ormai diversi anni considerata come “The land beyond the Wall” di Game of Thrones, scelta dalla produzione dello show a partire dalla seconda stagione, per dare vita appunto alla “terra oltre il Muro”, luogo di mitiche creature ormai credute estinte dai personaggi della serie. Luoghi fiabeschi come il lago Mývatn e il Þingvellir National Park hanno fornito le ambientazioni ideali per ricreare le atmosfere descritte nella saga letteraria di George R.R. Martin, a tal punto che il turismo nazionale ha visto una crescita senza precedenti.

Scopri i tour guidati di Get your Guide in Islanda

iceland int. arrivals

Per una nazione che veniva dalla peggiore crisi finanziaria della sua storia, il successo della serie ha rappresentato la vetrina ideale per questi luoghi magnifici. Un aumento di arrivi internazionali che a partire dal 2011 è stato costante fino a raggiungere 1,3 milioni nel 2015, con una crescita del 29,2% rispetto al 2014.

Va anche detto che l’Islanda negli ultimi è stata scelta da importanti produzioni cinematografiche quali Prometheus, Die Another Day, Interstellar e l’ultimo capitolo della saga di Star Wars. In tutto il suo territorio sono presenti 17 società di produzione cinematografica, per un rapporto di una ogni 19,000 abitanti.

Game of Thrones in Irlanda del Nord

Dark Hedges

Dark Hedges – iStock

Sin dalla prima stagione l’Irlanda del Nord è stata la location principale per ricreare il regno di Winterfell. Luoghi come Castle Ward e Tollymore Forest Park hanno fornito le ambientazioni ideali per ricreare le ambientazioni del nord di Westeros, mentre il suggestivo sentiero conosciuto come “Dark Hedges” è stato utilizzato per rappresentare Kingsroad, ovvero la strada più lunga di tutta Westeros. I Titanic Studios a Belfast, il cantiere dove sono state assemblate parti del Titanic, negli anni sono stati riconvertiti a studio cinematografico dove tuttora vengono girate gran parte delle scene di Game of Thrones. Inutile dire che anche questo sito ogni anno continua ad attirare maree di fan della serie e amanti del cinema da tutto il mondo.

Scopri i tour guidati di Get your Guide in Irlanda del Nord

Game of Thrones a Malta

Azure Window in Gozo

Azure Window – iStock

Sebbene Malta sia stata utilizzata solo per le riprese della prima stagione, quest’isola del Mediterraneo rappresenta la soluzione ideale per coloro che vogliono trascorrere le proprie vacanze balneari circondati dalle atmosfere dello show della HBO. Molti troveranno familiare l’arco calcareo dell’isola di Gozo conosciuto come Azure Window, utilizzato per ricreare il matrimonio di Daenerys e Drogo. Le innumerevoli fortezze come Fort Ricasoli, invece, hanno fornito gli scenari ideali per dare vita alla capitale di Westeros King’s Landing, spostata a Dubrovnik a partire dalla seconda stagione.

Game of Thrones in Marocco

Essaouira, Morocco

Essaouira – iStock

Anche il Marocco è stato utilizzato per una sola stagione, ovvero la terza. In questo caso le località di Aït-Ben-Haddou, Essaouira e l’Atlas Corporation Studios ad Ouarzazate hanno fornito le ambientazioni per Yunkai, Pentos, Astapor e Meereen. Sebbene lo show abbia ormai lasciato questi luoghi da tempo, il Marocco rimane una destinaziona di grandissimo fascino non solo per i fan di Game of Thrones.